Sinfonia Breve

$30.00$45.00

FULL SCORE
74 pp.

Clear
SKU: PMI00005 Categories: , ,

Instrumentation: – *3*3*3*3 – 4331 – tmp+4 – hp, pf – str

Duration: 13′
Year: 2014

World Premiere February 22, 2014
St. Luke’s Lutheran Church (Oviedo, FL)
UCF Symphony Orchestra, Conductor Lazlo Marosi

Work commissioned by Dr. Gustavo Arvelo
for the UCF Symphony Orchestra and his
Music Director & Principal Conductor Dr. Lazlo Marosi

Sinfonia Breve
by Juan Trigos

Sinfonia Breve (2013) in three movements is a kind of homage to composers Bartok, Donatoni and Poulenc. Every movement is dedicated to each of them taking material related to these composers, treated in different manners and abstract fashion. Although the materials were taken from these authors, it is not about a stylistic exercise. The intention is to take these materials as a starting point to pay homage to the, through assimilation.

The first movement Allegretto Bartok is divided in two parts, moderate speed and very fast (doppio tempo), and a short coda, which incorporates essential elements of the first part. Abstract the Sonata form in a condensed manner through the reiteration and continues variation of the same elements. The material and the musical articulations derive from Dance in Bulgarian rhythm N. 5 from Microkosmos by B. Bartok. The rhythm of this dance (2 +2 +2 +3) generates the pulsation, assimilated to a sort of perpetuum mobile in the part of the drum (and also to the general structure of the form), in addition to the figures of the various instruments originated from a re-reading (reinterpretation) of the Bartokean material. The reiteration of certain elements represents a guide.

The second movement Scherzo Donatoni is a tribute to the famous Italian composer Franco Donatoni died in 2000. It is an abstraction of the form Scherzo (ABA). The material was taken from the first panel of Donatoni’s piece Nidi (Nests) for solo piccolo, a very representative piece of his character, playful and sarcastic. Part A: the structure consists in the orchestration of the solo piccolo fragment with followed by two re-readings with a small coda at the end. Part B: corresponds to the traditional Trio in the Scherzo form. It is interpreted as a faster Tempo (not slower), but respecting the chamber character with certain virtuosity. Predominates the feeling of a ternary pulse with its subdivisions.

The third movement of Poulenc alla Breve uses as a base material a song called Amó Ató from a children’s game played in Mexico, most likely of French origin and that probably has undergone a corruption of the original title A mon chateau.

The infant and French characters, have been taken as a cue to make a tribute to the great Parisian maestro, using the characteristic elements of his music such as some harmonic turns, playful musical articulations, on his own style. In the original song in major clave was added a complementary part in minor clave. The movement begins with a sort of a very short Adagio, which introduces the Allegro alla Breve – final. Basically the form consists of the repetition of the original song plus its complement for six times, varying it in a different ways through the rhythmic displacements, the harmonies, the addition of figurations, register changes, etc.

The symphony was commissioned by Dr. Gustavo Arvelo, at the request of Dr. Laszlo Marosi and is dedicated to both. It was composed ex-profeso for the UCF Symphony Orchestra.

 

 

[ITALIANO]

SINFONIA BREVE
di Juan Trigos

La Sinfonia Breve (2013) in tre movimenti è una sorta di omaggio ai compositori Bartok, Donatoni e Poulenc. Ogni movimento è dedicato a ognuno di loro prendendo materiale relazionato con gli stessi, trattato in modo differente e astratto. Pur utilizzando materiale di questi autori, non si tratta di un esercizio stilistico. L’intenzione è di prenderli come spunto per rendere un omaggio, attraverso l’assimilazione.

Il primo movimento Allegretto Bartok è diviso in due parti, velocità moderata e molto veloce (doppio tempo), e una breve coda che riprende elementi essenziali della prima parte. Astrae in modo condensato la forma sonata tramite la reiterazione degli elementi e le variazioni continue degli stessi. Il materiale e le articolazioni derivano dalla Danza in ritmo Bulgaro N.5 del Microkosmos di B. Bartok. Il ritmo di questa danza (2+2+2+3) da origine alla pulsazione, assimilata a una specie di moto perpetuo nella parte del tamburo (e anche alla struttura generale della forma), in aggiunta alle figure dei vari strumenti nate dalla rilettura (reinterpretazione) del materiale bartokiano. Le reiterazioni di certi elementi costituiscono una guida.

Il secondo movimento Scherzo Donatoni è un omaggio al noto compositore italiano Franco Donatoni mancato nel 2000. Si tratta di un’astrazione della forma Scherzo (ABA). Il materiale è preso dal primo panel del brano per piccolo solo Nidi di Donatoni, molto rappresentativo del suo carattere, scherzoso e sarcastico. Basicamente la struttura consiste nell’ orchestrazione del frammento di piccolo solo con due riletture aggiungendo una coda al finale. La parte B, che corrisponderebbe al Trio nello Scherzo tradizionale, è interpretata come più veloce, e non più lento, ma rispettando il carattere cameristico con un certo virtuosismo. Prevale la sensazione di una pulsazione ternaria con le sue suddivisioni.

Il terzo movimento Poulenc alla Breve utilizza come materiale di base una canzone chiamata Amó Ató di un gioco infantile praticato in Messico, molto probabilmente di origine francese e che ha subito una corruzione del titolo originale A mon chateau. Dato il carattere infantile e francese, è stata adottata come spunto per fare un omaggio al grande maestro parigino, utilizzando elementi caratteristici della sua musica come certi giri armonici e articolazioni giocose, alla sua usanza. Alla canzone originale, in modo maggiore, è aggiunta una parte complementare in modo minore. Il movimento comincia con una sorta di Adagio brevissimo che da piede all’ Allegro alla breve – finale. Basicamente la forma consiste nella ripetizione della canzone originale più il suo complemento per sei volte, variandola in modo diverso tramite gli spostamenti metrici, le armonie, l’aggiunta di figurazioni, di registri, ecc.

La Sinfonia è stata commissionata dal Dr. Gustavo Arvelo a richiesta del Dr. Lazlo Marosi ed è dedicata a entrambi. Fu composta ex-profeso per la UCF Symphony Orchestra.

Request a quote

Additional information

Size

Format

,

Reviews

There are no reviews yet.

Only logged in customers who have purchased this product may leave a review.